spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home
Attualmente...
In associazione, tutti i giorni, arrivano telefonate e lettere di diabetici che, disperati, chiedono cosa devono fare per avere i presidi sanitari che sono loro indispensabili. Purtroppo la situazione è ancora più grave perchè ormai non solo mancano i presidi ma anche i medici diabetologi.

Una nostra associata, infatti, a seguito del trasferimento alla ASSL di Olbia del diabetologo che la seguiva, ha provato a prendere un appuntamento con lui, ma non è stato possibile. Allora ha chiamato il CUP che le ha risposto che per quest’anno non c’erano posti liberi.

I commenti sono ovviamente superflui ma non possiamo evitare di rivolgerci ad un avvocato che, recentemente, rispondendo ad una nostra documentata critica, affermava che tutto ciò che dicevamo era falso perchè tutto andava per il meglio, tutto era in regola e non c’era motivo di criticare.

Rinnoviamo l’invito a tutti coloro che pensano o dicono che siamo esagerati, di andare, prima di parlare, nelle diabetologie o nelle farmacie ospedaliere o nei reparti. Non ci metterà molto ad avere gli elementi per farsi un’opinione corretta
 
Il Volontario e l'Avvocato

E’ facile. Ci sono le leggi, le norme, i contratti. Regolano la vita della società civile. E’ divertente quando uno le nomina e se ne fa scudo. Specie in Italia perchè poi c’è la realta che di quelle leggi, norme, contratti si fa beffe. E a volte chi le adopera come scudo rischia il ridicolo perchè la realtà banalmente lo smentisce. Basta andare in un qualsiasi reparto ospedaliero per vedere coordinatrici girare come trottole da un reparto all’altro perelemosinare dai colleghi antibiotici, garze, camici, disinfettanti. Basta visitare gi scaffalli delle farmacie ospedaliere per ntare gli scaffali vuoti. C’è in corso una riorganizzazione del sistema. Giusta sicuramente. Ma nel frattempo manca l’indispensabile per chi si trova in una situazione patologica. Questo negli ospedali ma non cambia nulla nei servizi terrioriali. Chi lo presidia, il territorio, magari come umile volontario lo tocca con mano tutti i giorni. Da chi si reca disperato nelle sedi del volontariato, dalle telefonate che riceve.

Un avvocato in una lettera di tre pagine parla di leggi, norme, contratti. chi vuole la può leggere nel nostro sito admsonlus

“L'esposto denuncia di cui si è avuto notizia è fondato su informazioni completamente errate: infatti, l'ASSL di Olbia ha sempre garantito e continua a garantire le forniture di micro infusori e dei relativi beni di consumo, nel rispetto del Codice Appalti previgente e di quello vigente,....”

Leggete solo una delle molte lettere che ci arrivano:

“Ciao Michele,ti spiego la ragione per cui mi faccio viva. Sono diabetica dal 1994, porto il micro dal 2001, e solo con quest'ultimo, tanti sacrifici e tanto sport riesco ad ottenere un equilibrio glicemico adeguato.

Oggi sono abbastanza serena, lavoro e ho tre bambini. I miei problemi iniziano a Maggio 2016 quando il mio micro va in tilt.

L'azienda ha provveduto subito a inviare la relazione con l'ordine del nuovo micro alla ASL di Olbia, a cui appartengo essendo residente a Berchidda.

Nel frattempo mi mettono a disposizione un loro micro, sperando di poterlo restituire in breve tempo.

Il mese scorso ha iniziato a darmi problemi anche questo micro, ogni 4 ore inizia a squillare e devo resettare tutto...24h su 24!

Allora mi rivolgo all'URP dell'ospedale di Olbia, espongo il mio problema e dopo alcuni giorni (10 febbraio) vengo rassicurata che si sta muovendo qualcosa e presto mi arriverà il micro. 10 giorni dopo chiedo notizie al servizio farmaceutico e mi dicono che è partito l'ordine...

Oggi ho sentito L'azienda del micro, mi confermano che non è arrivato nessun ordine....

Come mi devo comportare? E' assurdo giocare con la salute delle persone, faccio tanti sacrifici per poter gestire al meglio il mio diabete e poi vengo "uccisa" dalla burocrazia...

Penso che sia necessario far giungere la mia denuncia altrove...anche perché sono sicura di non essere l'unica in questa situazione...

Non parliamo poi dei presidi che ci danno a contagocce costringendoci ad andare spesso alla farmacia territoriale per il ritiro...cosa che, per chi lavora e non risiede ad Olbia non aiuta...

Questo è quanto...sono sicura di aver tralasciato qualcosa, ma a quest'ora sono abbastanza fusa!

Il diabetologo mi ha prescritto un nuovo microinfusore e subito è stata presentata la relazione con l'ordine del nuovo micro alla ASL di Olbia, a cui appartengo essendo residente a Berchidda.

Nel frattempo la responsabile di zona mi presta un suo micro, sperando di poterglielo restituire in breve tempo. Il mese scorso ha iniziato a darmi problemi anche quest'ultimo micro, ogni 4 ore inizia a squillare e devo resettare tutto...24h su 24!”

E’ solo una delle tante. Se volete possiamo pubblicarne molte altre. Alla faccia delle leggi, norme e contratti. E di avvocati che parlano di realtà che non conoscono.

 
Oggetto: esposto denuncia

 

N.B. in calce all’esposto è presente il riscontro da parte della regione sardegna, diversamente evidenziato dal testo dell’esposto e scaricabile tramite il link in fondo alla pagina

 

 

Oggetto: esposto denuncia

Al Ministro della Salute

Al Presidente della Regione Sardegna

Alla Procura della Repubblica p/o il Tribunale di OLBIA

p.c. Stampa e mezzi di informazione

 

L'ADMS ONLUS (Associazione Diabete Mellito e Celiachia Sardegna), costretta dalla persistente e drammatica negazione di cura e assistenza conforme alle vigenti prescrizioni di legge e al rispetto della tutela costituzionale alla salute, rivolge ai responsabili delle strutture sanitarie e della legalità il seguente esposto denuncia.

 

A conoscenza della Legge n.115 del 16/93/1987 (G. U:n.71 del 26/03/87)

 

n cui all'art.3 si dichiara espressamente che " le Regioni, tramite le unità sanitarie locali, provvedono a fornire gratuitamente ai cittadini diabetici, oltre ai presidi diagnostici e terapeutici, di cui al Decreto del Ministero della Sanità n.47 dell'8 febbraio 1982, anche atri eventuali presidi sanitari ritenuti idonei allorquando ci sia una specifica prescrizione".

 

Inoltre, sapendo che tali presidi sono ritenuti necessari alla "prevenzione delle complicanze" (art. 5, comma 3, della suddetta legge)

Al corrente del Decreto dell'Assessorato dell'Igiene e Sanità e Assistenza Sociale del 28/01/1997n.26/lllServ. riguardante le Prestazioni Integrative Straordinarie in cui si stabilisce che tra le protesi e i presidi erogabili dall' Azienda USL agli aventi diritto individuati dall'Art. 4 del D.M.del 28/12/92 sono compresi anche "gli apparecchi microinfusori per trattamenti farmacologici per patologie croniche irreversibili e presidi necessari per il funzionamento di tali apparecchi" (art.1, comma 4 del suddetto decreto).

 

Ricordando che la cura del diabete è essenzialmente affidata alla capacità di autogestione della malattia e dei sistemi tecnologi di sostegno da parte del diabetico, unita ad una forte azione di prevenzione con formazione e informazione destinata non solo al soggetto diabetico e celiaco ma estesa al nucleo familiare e sociale, dobbiamo denunciare la sistematica e continua negazione di tutto ciò.

 

Allo stato attuale, avendo ricevuto numerose segnalazioni da diverse zone della Sardegna, devo denunciare, il totale abbandono da parte delle istituzioni sanitarie dell'ASL 2 di Olbia che ha dimostrato di non essere in grado di gestire e comprendere I ‘autogestione della patologia. Si ricorda che in un panorama di disservizi e sprechi i cosiddetti "dirigenti" si sono impegnati a studiare il sistema per ridurre le spese senza accorgersi che: 50.000 ambulanze del 118, trasportano per 50.000 volte ad un pronto soccorso una persona con diabete in crisi di ipoglicemia, impegnando 150.000 addetti, un autista e due assistenti, e altri 100.000 almeno tra medici e un infermiere del pronto soccorso per accoglierli. 8.000 hanno necessità di ricovero, per ritardi nel soccorso. Così oltre ad occupare in modo improprio il pronto soccorso, occupiamo inutilmente anche i posti letto.

 

Per tutto questo spreco, certificato dai fatti, di risorse umane e di mezzi dovremo tutti scandalizzarci: provocano inquinamento acustico, ambientale e buttano letteralmente milioni di euro. Invece viviamo in un sistema che sostiene una serie enorme di spese inutili per gli ammalati di diabete. L'unica cosa utile sarebbe stata la regolare fornitura dei microinfusori prescritti dal diabetologo e presidi annessi.

 

Vista l'enorme spesa e le gravi complicanze dell'ipoglicemia nel diabete, e non solo perché si rischia la vita, abbiamo da sempre suggerito alle istituzioni sanitarie di conformarsi a quei criteri di efficienza, efficacia e trasparenza, che del resto sono previsti dalla legge, per realizzare con pochi accorgimenti una reale e congrua cura ai diabetici. Tutto questo evitando che la Regione sarda, con la percentuale più alta al mondo di malati di diabete, crei un sistema esclusivamente affaristico.

 

Alcuni rimedi di assistenza e cura sono possibili ma tuttora sono negati.

 

Con sconcertante sorpresa abbiamo constatato che, invece di porre rimedio è scattata al contrario, da parte del sistema sanitario della Sardegna, una discriminazione fra pazienti appartenenti in asl diverse della stessa regione e che a quanto pare ormai appartengono ad un ASL unica denominata ATS Sardegna. Pochi giorni fa è stato necessario l'intervento delle associazioni per una sospensione degli acquisti dei microinfusori e presidi necessari per il loro utilizzo nelle asl di Cagliari. Bene, dopo manifestazioni e articoli su varie testate giornalistiche sembra che il blocco si stia risolvendo.

 

Allora mi chiedo per quale motivo I'ASL 2 di Olbia continua a rimanere nella più totale indifferenza alle molteplici richieste di risposte da parte di genitori di bambini diabetici, di numerosi pazienti estenuati da mesi e mesi di attesa di risposte mai date (ricordo che da giugno del 2016 ad oggi non è stato acquistato neanche un microinfusore). Purtroppo, ancora una volta, dobbiamo segnalare nuovi e gravi comportamenti discriminatori. L'Asl di OLBIA non sostituisce i microinfusori guasti e non consegna le nuove forniture prescritte e ciò avviene in maniera difforme dalla legge in quanto, spesso, viene ridotto arbitrariamente anche l'erogazione delle cannule e dei sensori prescritti dal diabetologo. in nome di un risparmio per mancanza di fondi, con gravi conseguenze sulla salute dei diabetici.

 

È un sopruso inaccettabile dal momento che a rafforzare le leggi sopracitate è stata approvata la DELIBERAZIONE N. 46/13 DEL 10.8.2016 della Regione Sardegna.

 

Nonostante la situazione di diffuso malessere i responsabili della struttura sanitaria di Olbia rimangono assolutamente indifferenti e continuano a non dare risposta alcuna ai diabetici esasperati. ln conclusione, posso solo prendere atto che l'attuale organizzazione sanitaria è strutturata in modo tale da creare disagi, perdita di tempo e di risorse. Il tutto ovviamente con la solita insensibilità e superficialità dei dirigenti nei nostri confronti, causa di continue penalizzazioni.

 

Faccio notare che con il microinfusore utilizziamo meno farmaco e miglioriamo di molto la nostra autonomia gestionale e la nostra qualità di vita, non ci avveleniamo con le insuline lente, non abbiamo mai

ipoglicemie e nei turni di lavoro anche notturni non incontriamo le difficoltà della gestione con le iniezioni. Inoltre possiamo eliminare le punture di insulina.

 

A chi può, a chi vuole e a chi deve chiediamo di aiutarci in conformità alla propria coscienza, alle regole vigenti e a non rimanere inerti quando è possibile fare qualcosa di giusto.

 

Distinti saluti

Il Presidente ADMS ONLUS

Michele Calvisi

 

 

 

 

 

 Area Socio Sanitaria Locale di Olbia

 Servizio Provveditorato e

Amministrazione Patrimoniale

 

 

 PG/2017/116283                                                                                   28/03/2017

 

ADMS

 

Ministro della Salute

 

Presidente Regione Sardegna

 

Procura della Repubblica

c/o Tribunale Tempio Pausania

 

 

Oggetto: Esposto Denuncia Associazione diabete mellito e celiachia Sardegna - Riscontro

 

L'esposto denuncia di cui si è avuto notizia è fondato su informazioni completamente errate: infatti, l'ASSL di Olbia ha sempre garantito e continua a garantire le forniture di micro infusori e dei relativi beni di consumo, nel rispetto del Codice Appalti previgente e di quello vigente, non solo per sé stessa, essendo anche stata incaricata della progettazione della gara a valenza regionale, processo che si sta concludendo proprio in questi giorni con successo, come momento di avvio di nuove partnership per le acquisizioni di ambito sanitario, da cui ci si attende sensibili economie di scala senza alterare i livelli qualitativi delle forniture ed anzi probabilmente migliorandoli.

Infatti:

- l'acquisizione di microinfusori e materiali di consumo presso la ASL 2 di Olbia veniva garantita mediante accordi quadro aggiudicati a seguito dell'espletamento di procedura aperta di rilievo europeo. Dopo la scadenza contrattuale, nelle more della predisposizione di una nuova procedura aperta di rilievo europeo, con diversi provvedimenti, si sono garantiti gli affidamenti dei dispositivi e materiali di che trattasi. Nel gennaio 2016 (12.01.2016), ultimata la progettazione, il Servizio Provveditorato ha formalizzato alla Direzione proposta di deliberazione n. 19 del 12/01/2016 relativamente all'autorizzazione a contrarre a mezzo procedura aperta di rilievo europeo. Detta procedura è stata sospesa dalla Direzione aziendale alla luce di tutte le circostanze che hanno condotto le aziende all'approvazione di piani di rientro e in considerazione del fatto che risultavano di prossima emanazione le linee di indirizzo regionali uniformi sulla prescrittibilità dei microinfusori.

 

Nel mentre, con affidamenti sul MEPA si sono garantite le forniture dei beni di che trattasi (deliberazione di autorizzazione a contrarre n. 68 del 03/02/2016 e determinazione di aggiudicazione n. 295/2016) in prescrizione da parte dei diabetologi.

Con delibera 46/13 del 10.8.2016 la Regione Sardegna ha provveduto all’emanazione di Linee di indirizzo regionali per la prescrizione e la gestione della terapia insulinica con microinfusori e con sistemi di monitoraggio continuo in età pediatrica ed in età adulta e per la prescrizione di dispositivi medici per l’autocontrollo della glicemia a domicilio Nella suddetta deliberazione si evidenzia che: “ Ai fini del governo e coordinamento delle attività di cui trattasi l’Assessorato dell’igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale deve provvedere alle seguenti attività: (…) definizione delle procedure finalizzate al contenimento dei costi di acquisto dei dispositivi,quali microinfusori, sensori e relativo materiale di consumo prevedendo sistemi di aggregazione dei fabbisogni e di centralizzazione degli acquisti da parte di una ASL capofila o per il tramite di altri strumenti che assicurino il contenimento della spesa”.

 

Pertanto, nelle more della centralizzazione degli acquisti, sempre con procedure sul Mepa ( deliberazione di autorizzazione a contrarre 905 del 20/09/2016 e deliberazione di aggiudicazione n. 966 del 04/10/2016) si sono garantire le forniture di microinfusori e materiali di consumo, secondo la programmazione della Farmacia Territoriale, per un periodo, stimato dalla stessa Farmacia territoriale, in mesi sei e fino a concorrenza del tetto di spesa indicato. Soltanto in data 31/01/2017 con deliberazione DGR 6/24 del 31/01/2017 "Indizione di procedure aperte a valenza regionale per acquisizione di beni e servizi e individuazione azienda sanitaria capofila. Parziale modifica delle deliberazioni della Giunta regionale n. 5/33 dell'11 febbraio 2014 e n. 51/13 del 28 dicembre 2012" la Regione Sardegna ha assegnato la procedura relativa all'acquisizione, per quanto interessa il presente provvedimento, di Infusori automatici per diabetici alla ATS - ASSL Olbia. Pertanto questo Servizio tempestivamente si è attivato per garantire le forniture di microinfusori non solo in ambito Olbia - Tempio Pausania ma per tutte le Aziende del SSR. Infatti, in data 08/02/2017 si è richiesto ai competenti servizi di questa Area di predisporre la progettazione della gara a livello regionale e, successivamente, alle altre Aree e Aziende del SSR di inviare i fabbisogni da inserire in capitolato.

 

Quindi, a seguito di richieste della farmacia Territoriale si è istruito (ben prima della scadenza dei sei mesi previsti dalla precedente programmazione della dalla Farmacia Territoriale) ulteriore provvedimento di autorizzazione a contrarre (determina Direttore d'Area n. 50 del 20/03/2017) ed è in corso la pratica di acquisto sul MEPA con un impegno di spesa stimato per mesi due per l'acquisto di microinfusori (sostituzioni) e materiali di consumo per i portatori di microinfusore.

 

Nel volgere di pochi mesi dalla sua istituzione, ATS Sardegna ha avviato plurimi rapporti di partenariato con altre Centrali di Committenza (Consip, CAT Sardegna e altre Centrali di Committenza Regionali).

 

Per l'acquisto di micro infusori, il gruppo di progettazione sardo, costituito da rappresentanti di tutte le strutture di diabetologia delle varie Aree ha condiviso la progettazione di gara con la Centrale di Committenza Piemonte (SCR Piemonte) con la quale si sta perfezionando con apposita convenzione perché sia bandita gara unificata per tutte le forniture del Piemonte e della Sardegna; considerato che i produttori di microinfusori sono tutti multinazionali, è chiaro che maggiore è l'importanza della gara, più probabile è che si riescano ad ottenere offerte convenienti per il SSR.

 

Mentre sarà espletata la gara i Provveditori delle varie Aree della Sardegna concerteranno le varie modalità di acquisto dei beni per garantire gli approvvigionamenti indispensabili, in base alle valutazioni cliniche dei prescrittori.

 

Tanto si doveva per corretta informazione.

 

Distinti saluti.

 

Il Coordinatore dell'Area Approvvigionamento

beni e servizi ATS /Direttore del Servizio Provveditorato

e Amministrazione Patrimoniale ASSL Olbia

Avv. Roberto Di Gennaro

(firmato digitalmente)

 

 

Scarica il riscontro il formato PDF

 

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 17 - 20 di 340
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB