spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow Statuto Coordinamento Regionale
Lo Statuto del Coordinamento Regionale PDF Stampa E-mail

Le Associazioni dei Diabetici della Sardegna

ADMS ONLUS di Sassari

Adms sezione di Macomer

Fand Sulcis di Sant'Antioco

Fand Ogliastra di Lanusei

Fand Oristano di Oristano

Fand Sassari

ABCD Onlus affiliata Fand di Quartu Sant'Elena

Adig Sarda di Selargius

Adig Sarda di Mogoro

Adig Sarda di Bosa

Adig Sarda di Alghero

Adig Sarda di Nurri

per il tramite dei loro legali rappresentanti, ovvero Presidenti o rispettivi delegati riuniti in Assemblea in località Siamaggiore il giorno sei agosto 2013 alle ore 10.00

Si fanno promotrici della costituzione del  Coordinamento Regionale delle Associazioni dei Diabetici  della  Regione Sardegna con la finalità di rendere sempre più puntuale ed organizzato il contributo dato dalle stesse alla crescita della Diabetologia locale e Regionale attraverso la collaborazione attiva tra i componenti delle Associazioni che aderiscono al sodalizio e attraverso la compatta e uniforme rappresentanza Vs le istituzioni.

Il coordinamento assume la denominazione di Coordinamento Diabetici Regione Sardegna contraddistinto dalla sigla abbreviata “Coor.Di.R.S.” e assume il suo domicilio presso il Coordinatore pro-tempore ovvero in Sant'Antioco Via Lombardia n.7 cap. 09017

Il coordinamento adotta il seguente statuto:


Coordinamento Diabetici Sardegna

“Coor.Di.S.”

Art. 1

E’ istituito il Coordinamento Regionale delle Associazioni dei Diabetici  della Regione Sardegna  a cui possono aderire:

Le Associazioni locali e/o Regionali rappresentanti dei cittadini affetti da Diabete.

Il Coordinamento è amministrato da una Assemblea costituita da un rappresentante  per ogni Associazione (di seguito aderenti) che può essere il Presidente o un delegato indicato dalla Associazione in forma scritta il quale ha diritto di voto.

Art. 2

Il citato organismo, nel corso della prima assemblea utile, nomina, a maggioranza relativa dei presenti in unica votazione, un Coordinatore e due vice-Coordinatori, i quali costituiscono il Consiglio Direttivo, tenendo conto della rappresentanza espressa in adesione al medesimo Coordinamento.  Il coordinatore e i rispettivi vice-coordinatori restano in carica tre anni. E’ possibile la rieleggibilità con garanzia di alternanza per  sigle aderenti al Coordinamento.

Il Coordinatore rappresenta il Coordinamento nei confronti degli organi istituzionali regionali,  degli Enti Locali, e di ogni altra organizzazione sia essa di volontariato civile, sociale e o scientifica. Egli è dotato di ogni più ampia facoltà in merito alla rappresentanza del "Coor.Di.R.S.".

Art. 3

L'assemblea del Coordinamento si riunisce, con preciso ordine del giorno, almeno una volta all’anno o, su richiesta al Coordinatore di almeno un terzo (1/3) dei rappresentanti.

Ogni seduta è convocata dal Coordinatore con almeno 15 giorni di preavviso mediane convocazione  ai Presidenti delle Associazioni. La convocazione deve contenere l’ordine del giorno dettagliato, data ora e luogo della convocazione. La riunione è verbalizzata da uno dei componenti l'Assemblea.

L’assemblea viene ritenuta valida purché siano state rispettate le norme di convocazione e siano presenti almeno la metà più uno degli aventi diritto di voto.

Sono approvate le delibere che abbiano ricevuto il voto favorevole della maggioranza relativa dei presenti.

Art. 4

Alle riunioni dell'Assemblea possono presenziare anche figure esterne al Coordinamento su invito del Coordinatore.

Art. 5

Il Coordinamento si pone i seguenti obiettivi:

favorire lo scambio e il confronto tra gli aderenti per rilevare problemi comuni e definire possibili strategie di soluzione.

Intraprendere e mantenere contatti con soggetti istituzionali e non , legati al mondo del diabete, con intenti di confronto e rappresentanza dei bisogni.

favorire il coinvolgimento di altre Istituzioni  locali e Regionali per il recepimento di deliberati, linee guida, documenti, decreti e programmi di carattere nazionale ma subordinati all'approvazione Regionale per la fattiva adozione e/o applicazione.

promuove iniziative a livello Regionale per la prevenzione, cura e conoscenza della patologia diabetica rivolta all'opinione pubblica.

promuove iniziative comuni e condivise che le singole associazioni attiveranno nelle rispettive zone di residenza e operatività.

Art. 6

Il Coordinamento può aderire ad altri coordinamenti o associazioni se gli intenti non sono in contrapposizione con quelli del presente statuto. L’adesione a qualsiasi forma di coordinamento o associazione decade nel momento in cui gli intenti risultassero in disaccordo



Art. 7

Il Comitato é organismo di dibattito tra le libere associazioni, comunque denominate, che operano sul territorio  con iniziative di promozione culturale, educativa, ricreativa, sportiva, del volontariato sociale, nonché dell'informazione, stimolando così la partecipazione di questi alla vita pubblica.

Art. 8

Il “Coor.Di.R.S.” si propone di operare per una crescita qualitativa delle varie associazioni, di favorire e promuovere l'associazionismo, di sostenere l'interazione tra le singole a associazioni divenendo, in tale settore, luogo di dibattito sui problemi della vita associata e quindi organo propulsivo nei riguardi dell’Amministrazione Regionale.

Art. 9

Per poter essere componenti del Coor.Di.R.S. valgono i criteri indicati nella normativa che regolamenta la vita delle libere associazioni operanti sul territorio nazionale, ma esse devono risiedere formalmente in Sardegna e devono avere come scopo sociale la tutela e la rappresentanza dei cittadini, bambini, giovani e anziani, affetti da diabete.

Struttura del  Coor.Di.R.S.

Organi del Coor.Di.R.S sono:

•       l'Assemblea Generale;

•       il Consiglio Direttivo;

•       il Coordinatore.

Art. 10      ASSEMBLEA GENERALE

L'Assemblea  Generale è formata dai rappresentanti legali delle Associazioni  o loro delegati, comunque soci, con nomina scritta;


La pronuncia della decadenza dal Coor.Di.R.S.  è effettuata o su richiesta dell'Associazione, oppure per mancata partecipazione all'attività del Coordinamento, dall’Assemblea Generale, dopo il termine di 10 giorni dalla notificazione al legale rappresentante dell’Associazione interessata della proposta di decadenza con i motivi della stessa.

L'Assemblea elegge, a maggioranza assoluta dei componenti e con votazione a scrutinio segreto, il Coordinatore e il Comitato di Coordinamento, su una terna di nomi precedentemente stabilita, oppure, in base al numero di voti ottenuti per ogni singolo candidato.

L'Assemblea è valida con la presenza della metà più uno dei componenti.

Nelle decisioni dell'Assemblea generale si privilegia l'unanimità dei consensi. Però, ove fosse necessario, esse vengono adottate a maggioranza dei presenti componenti.

L'Assemblea ha funzioni di indirizzo e programmazione delle attività che coinvolgono più' associazioni. Le deliberazioni dell'Assemblea quando non contrastino con i fini delle singole Associazioni, sono per le stesse vincolanti.

Art. 11 Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio direttivo è l'organo esecutivo dell'Assemblea.

Esso è composto dai rappresentanti delle Associazioni maggiormente rappresentative che aderiscono al Coor.Di.R.S.

Il Consiglio direttivo è eletto dall’Assemblea e rimane in carica tre anni.

Il Consiglio direttivo è l'organo esecutivo della volontà espressa dalla Assemblea generale nel programma approvato dalla stessa. Ha i compiti di:

•       programmare e predisporre i lavori del Coor.Di.R.S.

•       tenere i verbali del Consiglio direttivo ;

La sua volontà è espressa, normalmente, a mezzo verbali.



Art. 12 Il Coordinatore

•       rappresenta il Coor.Di.S.

•       presiede il Consiglio direttivo

•       tiene rapporti con gli Enti, con le Istituzioni;

•       convoca e presiede l'Assemblea generale;

•       invia all'Amministrazione Regionale il programma annuale approvato dall'Assemblea;

Art. 13

I rappresentanti delle Associazioni che ricoprono cariche di qualsiasi natura all'interno degli organi del Coor.Di.R.S. decadono automaticamente dall'incarico nel momento in cui l'Associazione che essi rappresentano non è più iscritta o è decaduta dal Coor.Di.R.S.

Ogni singola Associazione aderente al "Coor.Di.R.S." non perde la propria identità ed autonomia.

Le funzioni svolte dai rappresentanti delle Associazioni negli Organi del Coor.Di.R.S. sono, esclusivamente, a titolo gratuito.

Art. 14 DISPOSIZIONI FINALI

L'approvazione del presente statuto, conferisce allo stesso " ipso iure " efficacia vincolante per tutti i componenti presenti e futuri del "Coor.Di.R.S." e delle libere Associazioni che vi aderiscono.

Ogni modifica del presente statuto, proposta dalla Assemblea generale, necessita della presenza di almeno due terzi dei componenti l'Assemblea stessa. La delibera è valida se presa a maggioranza qualificata ovvero con la metà più uno dei componenti.

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB