spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow Notiziario
Notiziario
Morire di diabete PDF Stampa E-mail

La vita di Giulio Cortiana è stata portata via dal diabete che si è insediata nel corpo di un bambino di tre anni. Il bambino, prima che la Morte lo visitasse, aveva già fatto due controlli in ospedale dove i medici avevano dichiarato che il figlio era disidratato a causa della febbre, dunque li hanno dato da bere acqua e zucchero.

Ritornato a casa il bambino avvertì dolori più acuti alla pancia, i genitori lo riportarono in ospedale e solo in quel momento i medici fecero esami più approfonditi e capirono che il bambino era diabetico, purtroppo Giulio morì la notte perché il sangue era troppo denso.

Nessuno potrà mai capire il dolore che in questo momento i genitori starano provando per la predita del proprio figlio, la colpa però non possiamo solo darla al diabete ma anche ai medici che non hanno fatto un esame in più e riconoscere questa patologia sin dall’inizio.

In Italia la prevalenza del diabete aumenta con l’età e raggiunge il suo picco nell’età tra i 70-75 anni, si pensi che nel 1980 i malati erano 108 milioni, nel 2014 il numero di persone diabetiche ha raggiunto i 422 milioni. In seguito sono arrivate le statistiche sulla morte dei malati di diabete, nel 2012 l’OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità) ha rilevato 1.5 milioni di persone morte a causa del diabete. Secondo le stime dell’OMS nel 2030 il diabete rappresenterà la 7 principale causa di morte nella popolazione generale.

È molto triste pensare che Giulio adesso appartenga alle 2 milioni di persone che sono morte a causa del diabete e che non abbia avuto neanche il tempo di combattere questa patologia. Tutta questa situazione ci  fa capire che in questo momento il vincitore è il diabete , infatti molta gente che ha paura di questa malattia e abbandona l’idea di affrontarla perché si sta già dando per sconfitta.

Io sono come voi, come Giulio, io sono diabetico però io combatto ogni giorno per continuare a fare tutte le cose che sono normali perché alla fine io sono normale e considero il diabete come un qualcosa che mi renda speciale, un qualcosa in più ed è grazie a questi pensieri che io vinco ogni giorno.

 
Attribuzione cariche sociali PDF Stampa E-mail

Il giorno 6 Maggio alle ore 15.45 si è riunito presso la sede di via Carboni Sassari il consiglio direttivo dell'Adms Onlus, per discutere il seguente ordine del giorno:

Attribuzione cariche sociali

Varie ed eventuali.

Sono presenti i membri eletti per il nuovo consiglio direttivo nell'assemblea annuale del 15 aprile 2019 , Michele Calvisi, Francesca Stefanelli , Maria Antonietta Fadda, Mario Cironi, Donatella Salvietti. Assenti giustificati Gavino Pedranghelu, Salvatore Murgia.

Si passa alla discussione del primo punto all'ordine del giorno, l'attribuzione delle cariche sociali che all'unanimità vengono così distribuite :

Presidente, Michele Calvisi

Vice presidente, Donatella Salvietti

Segretario, Mario Cironi

I consiglieri presenti ringraziano il signor Vinicio Fenu e la signora Maria Maddalena Foddai per la preziosa collaborazione prestata nel corso di tanti anni di partecipazione alla vita dell'Adms .

Esauriti gli argomenti, il presidente dichiara chiusa la seduta alle ore 17.15.

Il Presidente.                                            La vice presidente

Michele Calvisi                                         Donatella Salvietti

 
Con molto dispiacere un caro saluto ad Ettore PDF Stampa E-mail

E' con grande dolore che aprendo della scomparsa dell'amico Ettore Giuliani.

Sostenitore delle battaglie in difesa dei diritti dei diabetici della Sardegna.

Ottimo collaboratore e sempre in prima linea per aiutare chi, dalla vita non ha avuto grande fortuna.

Ciao Ettore, sentite condoglianze ai tuoi familiari.

Michele Calvisi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Celiachia: impariamo a conoscerla PDF Stampa E-mail

Una bella chiacchierata con il mio gastroenterologo e nasce l’idea di organizzare l’incontro per noi celiaci ma anche per chiunque voglia informarsi, per sfatare qualche mito e per far conoscere la celiachia dal punto di vista esclusivamente medico.

Quanti di noi celiaci conoscono a fondo la malattia?

Quanti non fanno più controlli “tanto sto facendo la dieta senza glutine?”

Quanti non conoscono le complicanze…le malattie correlate?

Quanti non sanno che la celiachia non è un’allergia ma una malattia autoimmune che dà intolleranza permanente?

Quanti si sentono dire erroneamente “sei celiaco allora non puoi mangiare i carboidrati”?

Il nostro non è uno stile di vita…mangiare senza glutine è necessario per la nostra salute, ma farlo non basta…

 

 

 

 

 

IL GRUPPO FACEBOOK

“CELIAMICI DEL NORD SARDEGNA”

E

“ASSOCIAZIONE DIABETE MELLITO E CELIACHIA SARDEGNA” DI MICHELE CALVISI

VI INVITANO ALL’INCONTRO INFORMATIVO CON IL DOTT. ANTONIO CICU, SPECIALISTA IN GASTROENTEROLOGIA, SULLE TEMATICHE DELLA MALATTIA CELIACA E DELLA SENSIBILITA’ AL GLUTINE

 

SABATO 23 MARZO ALLE 15:30 PRESSO LA SEDE DELLA “ADMS” IN VIA MARIO CARBONI 45/A SASSARI

PER INFO 329/4084868 MILENA

 
L'inesistente diabetologia di Nuoro PDF Stampa E-mail

 Scarica qua il pdf originale della lettera

 

 

Preg.mi Signori:

 

ASSESSORE REGIONALE DELL'IGIENE E SANITA' - mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

DIRETTORE GENERALE A.T.S. SARDEGNA            - mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

DIRETTORE A.S.S.L. NUORO                                         - mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo                                                    DIRETTORE DISTRETTO SANITARIO MACOMER            - mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Copia per conoscenza agli Organi di Informazione

 

Con la presente, l'Associazione Diabete Mellito e Celiachia Sardegna sezione di Macomer, intende segnalare la gravissima situazione venutasi a creare nel Distretto Sanitario di Macomer a causa dell'interruzione di fatto, da parte dall A.S.S.L. di Nuoro, del servizio sanitario di diabetologia dello stesso presidio.

 

Dal mese di settembre è assolutamente impossibile prenotare le visite diabetologiche in quanto rivolgendosi al CUP ci si sente rispondere che non è possibile effettuare prenotazioni, neppure per le prossime settimane o mesi.

 

Questa interruzione senza termine del servizio era senz'altro evitabile, posto che già dal mese di luglio il precedente diabetologo Dott. Sparano, prima di rassegnare le proprie dimissioni con decorrenza dal mese di settembre, aveva segnalato la necessità di essere sostituito, in modo da non lasciare i pazienti abbandonati a sé stessi e senza presidio sul territorio.

 

Sono del resto evidenti i danni che la situazione venutasi a creare può produrre nei soggetti con una patologia, quale quella diabetica, che si caratterizza per la natura cronica e la necessità di costante monitoraggio e che, se non adeguatamente e regolarmente controllata, può portare a conseguenze gravi e irreparabili per la salute e la vita stessa delle persone che ne sono affette.

 

Proprio la natura della malattia, inoltre, fa sì che per essere curato adeguatamente il paziente diabetico debba essere seguito con continuità da un medico o una struttura che ne conoscano la situazione e la storia clinica. Pertanto i pazienti diabetici la cui cartella clinica e la cui evoluzione della patologia sono patrimonio della diabetologia dell'ospedale di Macomer non possono essere agevolmente seguiti altrove, neppure temporaneamente (senza considerare peraltro i costi e i disagi che eventuali soluzioni alternative comporterebbero per i malati).

 

Nella fattispecie si segnala che a fronte delle dimissioni del diabetologo Dott. Sparano, titolare di 24 ore settimanali, a tutt'oggi non è stato ripristinato nessun servizio.

 

Circa 800 — 1000 pazienti si sono trovati cosi di punto in bianco a non poter effettuare le visite periodiche di controllo e di conseguenza a non poter rinnovare i piani terapeutici indispensabili per poter accedere alle forniture dei presidi atti all'autocontrollo della malattia.

 

Si chiede pertanto che si voglia porre fine immediatamente a questa condizione di rischio per la salute e la vita dei pazienti diabetici del distretto, ripristinando in tempi brevi la funzionalità del servizio e garantendo così il diritto costituzionalmente tutelato alla salute dei cittadini.

 

Poiché Il distretto sanitario di Macomer fornisce assistenza diabetologica a circa 1400 pazienti, 33 ore settimanali risultano comunque insufficienti, si chiede pertanto un aumento delle ore disponibili ad almeno 38 ore settimanali da suddividere in tutti i giorni lavorativi della settimana.

 

Confidando che i problemi su esposti siano oggetto di tempestivi provvedimenti risolutivi, si porgono distinti saluti.

 

Macomer, 20.12.2018

Associazione Diabete Mellito e Celiachia Sardegna sezione di Macomer

Mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Recapito telefonico: 38875417173

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 9 di 338
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB