spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home
In riscontro all'assessore Arru

Gentile Assessore Arru,

innanzitutto la ringrazio per la sua risposta alle nostre rimostranze che cerca di sopperire, al momento solo a parole, al disagio quotidiano e ahimè crescente dell'esercito di persone con diabete della Sardegna, che affollano purtroppo la nostra Associazione.

Questa risposta contiene fin troppe inesattezze per poter credere che sia stato proprio Lei il latore della stessa, visto e considerato che è anche medico.

Sono perciò assolutamente certo che si sia trattato di un ordine di scuderia impartito ad un suo collaboratore certamente a digiuno della materia diabetologica.

Vede, caro Assessore, quanti come me convivono con questa condizione ben conoscono i rischi subdoli del diabete e quale enorme importanza abbia la prevenzione delle complicanze.

Andando più nello specifico, aldilà dei sistemi di monitoraggio o dei microinfusori a cui lei fa cenno e delle "sue" rassicuranti parole che contraddicono la realtà dei fatti, certamente ricorderà, caro Assessore, di avere firmato proprio lei il 28 Dicembre 2017 il decreto n°38 di aggiornamento parziale del Prontuario Terapeutico Regionale.

Nel decreto in questione si va a limitare, a noi persone con diabete, la disponibilità in prima battuta delle migliori e più innovative insuline presenti sul mercato ad oggi, come insulina Tresiba e insulina Glargine 300, in grado di ridurre drasticamente gli episodi di ipoglicemie notturne e soprattutto diurne.

Lo sa che si tratta dell'unico caso in Italia?

Non sono certo io a dover fare i conti di quanto costi un accesso ospedaliero in caso di complicanze acute e croniche (solo il costo di ricoveri in Italia pel le ipoglicemie ammonta a 50 milioni di euro).

Ovviamente sarà a conoscenza che solo l'8% del budget sanitario nazionale è investito nel diabete e che di questa già esigua percentuale solo il 7% sia dedicato all'acquisto dei farmaci (insuline e altri ipoglicemizzanti).

Oltre il 50% del budget destinato al diabete viene speso per i ricoveri dovuti alle pesanti conseguenze del diabete (amputazioni, cecità, dialisi, ictus e infarto)*

E' per caso consapevole perciò che limitare l'accesso alle migliori terapie rappresenti una pesante discriminazione nei confronti dei nostri pari condizione del resto d'Italia e d'Europa? Sarebbe ancora peggio se ciò avvenisse per motivi di risparmio momentaneo, perché ciò sarebbe ancora più umiliante e soprattutto antieconomica in una logica di medio periodo (risparmio un euro oggi per spenderne cento domani). Ma queste solo banali considerazioni di farmaco economia, che i suoi collaboratori immaginiamo avranno già elaborato, considerando che il "suo" portafogli è sempre quello nostro, ovvero dei cittadini.

Ci auguriamo che non abbia scordato che proprio la Regione Sardegna è stata la prima in Italia a recepire nel 2009 il "Manifesto dei Diritti e dei Doveri della Persona con Diabete", documento che invitiamo a rispolverare dal cassetto e magari a rileggere.

Dopo queste considerazioni è ancora convinto che la scelta di limitare l'uso delle migliori insuline basali sia la più appropriata e quella più rispondente al nostro diritto di salute, in linea con l'altro diritto riconosciuto in Costituzione di un accesso non discriminante su base regionale alle cure?

A questo punto le farebbe onore poter cogliere una mia proposta concreta, in linea con la praticità tipica dell'Associazionismo: venga a rispondere direttamente alle persone con diabete in un incontro pubblico da tenersi qui da noi, a Sassari, il prima possibile.

Si tratterebbe di un'occasione unica per riprendersi la credibilità che in questo momento è, tra le persone con diabete, ai minimi storici.

In quell'occasione potrebbe spiegare la sua magnifica visione, in maniera tale da far ricredere le decine e decine di delusi che ogni giorno mi tempestano di telefonate denunciando i numerosi disservizi che lei, viceversa, ritiene inesistenti.

 

Sicuri di un suo celere riscontro, la saluto cordialmente anche a nome degli oltre centomila diabetici di Sardegna e dei loro familiari.

 

Michele Calvisi

 
All’emiro del Qatar
 
L'incapacità degli incapaci

 

Lettera aperta

 

Basta con l'incapacità degli incapaci.

 

Immaginate una persona con diabete al quale vengano ridotte il numero di strisce reattive per misurarsi la glicemia e che a quella stessa persona non venga concesso l’uso del microinfusore e del sensore nonostante delle glicemie pericolosamente variabili. Quindi supponete che venga anche privata della possibilità di utilizzare un sistema di controllo glicemico non invasivo, che pertanto gli eviterebbe oltre duemila punture al polpastrello l’anno.

Inoltre immaginate che il proprio diabetologo venga impossibilitato a prescrivergli le insuline più sicure a discapito delle altre.

 

Immaginate adesso che questo sciagurato diabetico (il termine “persona” di prima si è tragicamente dissolto) abbia l’imprudenza di vivere in Sardegna, proprio nella Regione che detiene il primato mondiale dell’incidenza del Diabete Giovanile,  e che paradossalmente risulti proprio l’unica zona in Italia in cui non siano rimborsati i moderni strumenti diagnostici e le nuove e più sicure terapie.

 

Cinismo, starete pensando? Accanimento antidiabetico?

 

Tutto dannatamente reale, vi rispondo io, e sta succedendo esattamente in questo momento, ai danni degli oltre centomila diabetici sardi e con il coinvolgimento indiretto di ulteriori trecentomila familiari (potrebbe essere il partito di maggioranza in una prossima tornata elettorale).

 

Ho scelto di riadattare la storiella della rana bollita di Chomsky alla graduale perdita di diritti che vivono attualmente le persone con diabete della Sardegna: la rana immersa nel pentolone sul fuoco d’acqua tiepida dapprima ci si trova bene, e man mano che la temperatura aumenta trova conforto fino a quando però il calore diviene talmente insopportabile che essa perde le energie, finendo così fatalmente bollita.

Se viceversa fosse stata immersa nel pentolone già bollente ne sarebbe fuoriuscita con un semplice balzo.

 

Ebbene, lo scaltro e cinico politico isolano ben conosce la dinamica della rana bollita e la applica al nostro povero diabetico levandogli non di botto, bensì gradualmente i propri diritti, in maniera da impedirgli una ferma reazione che viceversa lo avrebbe potuto salvare.

 

Ciò a cui stiamo assistendo passivi è un'ignobile trama architettata da un nugolo di oscuri lacchè del potere, che al servigio dell’assessore di turno applicano con zelo i tagli lineari dei costi della sanità, contrariamente al principio costituzionale di un accesso paritario ed omogeneo alle cure, uguale a Bolzano così come a Trapani, così come sancito dalla sentenza 4546 del 29 settembre 2017 del Consiglio di Stato.

 

Volete sapere cosa pensa il sottoscritto Michele Calvisi, forte dei suoi quarant’anni e passa di diabete, di come andrà a finire questa storia?

Penso che la rana (la persona con diabete consapevole) troverà le energie per spiccare il balzo prima che il calore gli annienti le forze per andare a spegnere la fiamma assassina, e con rinnovato vigore si ribellerà contro quegli stessi politici che attentarono alla sua incolumità, impedendone di fatto la loro rielezione allo scranno fatato.

 

L’arma che ha una persona con diabete per impedire all’incompetenza ed alla malafede di minare le conquiste ottenute negli anni è una scura mina di matita, indelebile proprio come lo è la cronicità che avvolge la nostra condizione di portatori di diabete.

E’ giunto quindi il momento di urlare al mondo l’ingiustizia che stiamo subendo, denunciando la folle azione di chi sta scegliendo di discriminarci rispetto ai nostri pari condizione del resto d’Italia.

Mi ritengo fortunato di essere arrivato all’età di settantasette anni senza le nefaste complicanze della patologia, ben consapevole di aver raggiunto questo traguardo grazie al mio spirito di sopravvivenza, proprio ciò che sarebbe servito alla rana per evitare di finire bollita nel pentolone dell’inganno.

 

Pertanto chiediamo all’attuale sistema sanitario regionale di prendere atto che noi diabetici di Sardegna esigiamo un immediato cambio di rotta, che non vogliamo mai più essere considerati diabetici di serie D, che nessun nostro fratello dovrà pagare mettendo in pericolo la propria vita per condonare le vostre scelte immorali, che i microinfusori ed i sensori glicemici siano forniti senza discriminazione, che i nuovi glucometri meno invasivi siano rimborsati anche in Sardegna come già lo sono nel resto dell’Italia, che i nuovi antidiabetici (incluse le nuove insuline), approvati dall’Ente Regolatorio Europeo ed Italiano del Farmaco, lo siano persino nella sperduta  terra di Sardegna in accordo con la Legge.

 

Questo chiediamo a gran voce, denunciando il rischio delle complicanze acute e croniche a cui si stanno pericolosamente esponendo i diabetici sardi mediante questa criminale azione di discriminazione.

 

In assenza di immediate risposte adeguate volte a correggere tutto ciò appena esposto, ci attiveremo per organizzare una adeguata azione volta a tutelare i nostri diritti nelle opportune sedi.

 

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 349
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB